Archivi per: Settembre 2005

30.09.05

Regalo di Natale ?

La Apple ha confermato oggi che alcuni Mac mini attualmente in vendita possono avere un processore da 1.5 GHz invece di quello da 1.4GHz dichiarato sulla confezione.Un lettore di TUAW ha confermato questo inaspettato regalo di Natale.
Ecco le prove e le specifiche che Dave, il fortunato acquirente ha potuto verificare. Così aprendo un Mac mini potremmo trovarci "la sorpresa" ? OK, buona fortuna a tutti. Se acquistate il prodotto negli States, naturalmente. Cosa credevate che fosse una pacchia per tutti? Sehhh.


Categoria: Apple, Soup of the day     16:06:40
Permalink Lascia un commento

29.09.05

Download di giornata

Skype,il software che vi permette di telefonare via Internet, è arrivato alla v.1.4 uscendo dalla fase Beta.la nuova versione scaricabile subito è solo per utenti Windows e si integra molto bene sia con I.E. sia con Outlook.


Categoria: Gamez     18:05:18
Permalink Lascia un commento

27.09.05

E io c'ho il firewall...

A volte i ricordi affiorano alla mente e ti strappano un sorriso, così , nel mezzo di una qualsiasi attività quotidiana, arrivano alle labbra, le dischiudono e poi scompaiono tra i veli del passato.
E mi ritrovo a pensare a un giorno di due anni fa, quando nel vecchio ufficio in cui lavoravo mi preparavo a fare una lavata di testa a chi si era appena preso un virus, contagiando la rete interna.
Ora, dato che conoscevo i miei polli, avevo installato un antivirus su ogni computer, con aggiornamento automatico tutti i giorni, scan del sistema in pausa pranzo e intercettamento dei virus in tempo reale. Insomma, più blindato di così...pensavo io...A dire il vero, sulla rete interna vigeva una pratica poco salutare, ovvero la presenza di condivisioni non protette da password, ma questo era reso necessario

  • Dalla scarsa competenza informatica delle molte persone che bazzicavano per l'ufficio
  • Dalla incredibile capacità di rompere le scatole di chi bazzicava l'ufficio

Insomma...piuttosto che perdere tempo a capire che per aggangiare una condivisione bastava mettere una password, sempre la stessa, passavano le ore a rompermi le scatole lamentandosi per il fatto che non erano bravi come me e non sapevano come fare.
Ora, a parte il fatto che poi sicuramente questi a casa riuscivano a fare cose di un ordine di grandezza più difficili, tipo installarsi WinMX o Kazaa e poi condividere file, recuperare download interrotti, magari pure convertire film in Divx (ma di questo non ho prove, i maledetti erano troppo furbi per ammetterlo davanti a me)...comunque, alla fine ho deciso di lasciare liberi gli share...tanto "ho messo a tutti un antivirus, che si aggiorna automaticamente, che esegue autonomamente il controllo delle infezioni".

Finché un giorno accade. Un virus inizia a replicarsi sulla rete interna!

La mia prima reazione è stata di stupore...ma come diavolo avrà fatto a saltare tutti i controlli? Ah, si, certo, è un virus nuovissimo, i pattern con le signature non sono ancora stati aggiornati e quindi ci siamo beccati il virus...che sfiga!

No, non quadra...abbiamo tutti lo stesso antivirus...perch� alcuni hanno segnalato l'infezione e altri no? Faccio spegnere i computer infetti, isolo i server interni, che comunque risultano protetti, faccio togliere le condivisioni e inizio a controllare i computer infetti....

  • Primo computer....antivirus disabilitato...
  • Secondo computer....antivirus disabilitato...
  • Terzo computer....antivirus disabilitato...
  • ... computer....antivirus disabilitato...

Ora...a parte la iena montante e la bava alla bocca, tipo indemoniato alla Esorcista, tento di ricompormi, di darmi un aspetto umano e professionale e passo all'interrogatorio.

Non mi concedono una lampada da puntare in faccia ai mascalzoni.
Non posso legarli mani dietro a una sedia.
Non posso infliggere loro torture psicologiche tipo "Adesso prendo l'agenda con i nominativi dei tuoi clienti e la distruggo se non mi dici cosa è successo".

Provo con le buone...

Perché, perché, perché hai disattivato l'antivirus?

  • Risposta 1..."Rallentava il computer"
  • Risposta 2..."Mi impediva di scaricare il file xxx e il file yyy"
  • Risposta 1..."Quando partiva lo scan non riuscivo a fare più nulla"

Oh, ma se il pc rallenta, lo fa solamente di un poco in pausa pranzo...ma vedi di andare a mangiare!!! E se non ti fa scaricare il file, ci sarà una ragione, te lo sei chiesto???

Infine vado da quello che si spacciava per più sgamato su internet e sui computer...

Ma perché hai disattivato l'antivirus?

Perché quando mi controlla il pc in pausa pranzo rallenta tutto...e poi, comunque, non avevi messo il firewall? Non dovevamo essere protetti?

AO, testina di vitello! Prima cosa, a pausa pranzo te ne vai a mangiare e non rompi le scatole, seconda cosa ma cosa ha a che fare il firewall con i virus?

Eh, ma con il firewall non dovremmo prendere i virus...

A parte che se sono IO il responsabile tecnico della baracca ci sarà pure una ragione. A parte che se io ti dico di tenerti l'antivirus, tu lo tieni e se vuoi lamentarti vai dall'Amministratore Delegato, ma...a parte tutto questo, tu sai a che serve un firewall?

Per bloccare i virus, no?

Ma perché proprio a me?


Categoria: OS     19:45:33
Permalink Lascia un commento

Se le linee aeree funzionassero come i sistemi operativi...

UNIX Airways

Ogni passeggero porta con se un pezzo dell'aereo fino all'aeroporto. Tutti insieme vanno sulla pista di decollo e mettono insieme l'aereo pezzo per pezzo, litigando senza posa su quale tipo di aereo.

Air DOS

Tutti spingono l'aereo fino a quando prende il volo, poi ci salgono sopra e lo lasciano planare fino a quando tocca terra. Poi, lo spingono di nuovo, ci salgono sopra e così via...

Mac Airlines

Tutti, dagli steward ai capitani, dai facchini ai bigliettai hanno lo stesso aspetto e reagiscono alla stessa maniera. Ogni volta che ponete una domanda per avere maggiori dettagli vi viene risposto con gentilezza, ma fermamente, che c'è bisogno che li conosciate, che non li volete conoscere e che ogni cosa verrà fatta per voi senza che dobbiate nemmeno saperlo, basta che chiudiate il becco.

Windows Air

Il terminal è carino e colorato, gli steward sono gentili, il controllo dei bagagli e l'imbarco non danno problemi, il decollo va sul velluto. Dopo 10 minuti che siete in mezzo alle nuvole, l'aereo esplode senza il benché minimo preavviso.

Windows NT Air

Tale e quale Windows Air, solo costa di più, utilizza aerei più grandi e quando esplode tira giù qualsiasi aereo ne raggio di 50 Km.

Linux Air

Gli impiegati scontenti di tutte le altre line aeree, decidono di lanciare la propria linea: si costruiscono gli aerei, i banconi della biglietteria e pavimentano anche le piste di rullaggio. Vi chiedono un piccolo contributo per le spese di stampa del biglietto, che però potete anche scaricare da internet e stampare voi stessi.
All'imbarco vi viene dato un sedile, quattro bulloni, una chiave inglese e una copia del Sedile-HOWTO.html. Una volta fissato, l'iper configurabile sedile si rivela davvero confortevole e l'aereo decolla arrivando a destinazione senza il minimo problema. E anche il pranzo a bordo è stato favoloso.
A questo punto, decidete di raccontare il vostro stupendo viaggio ai clienti delle altre linee aeree, ma tutto quello che sanno rispondervi è un laconico "Cosa vi hanno fatto fare con i sedili????"

Liberamente tradotto dalla Linux Gazette n. 45.


Categoria: OS     19:43:07
Permalink Lascia un commento

Open Document? Non è GPL, lo dice Brian Jones...

Oasis logoQuella che segue è la traduzione di un post dal blog di Brian Jones, program manager in Microsoft Office, da 5 anni impegnato sulle funzionalità XML e i formati file di questo programma.

Ancora sulle licenze prive di royalty per i formati Microsoft Office Open XML

Bene, ora che il PDC (Microsoft Professional Developers Conference) è terminato, ho avuto l'occasione di esaminare le questioni e i commenti sollevati dalla nostra discussione della scorsa settimana. Continuano a esserci parecchi commenti riguardanti le licenze che usiamo per i formati Microsoft Office Open XML. Le domande che ho ascoltato sono:

  1. Queste licenze sono compatibili con i progetti Open Source?
  2. Nello specifico, sono compatibili con la GPL?
  3. Vi è una garanzia che Microsoft non cambierà la licenza sotto i piedi della gente? Quanto saranno accessibili questi formati fra 100 anni?

Come ho detto nei post precendenti, penso che le licenze siano un grande passo avanti e per quasi tutti i clienti, non c'è davvero alcun aspetto negativo in questo. Ci sono già molti strumenti in circolazione che evidentemente non hanno alcun problema nel lavorare con i nostri schemi. Sun per esempio sceglie la LGPL per Open Office. Vi ho esposto i miei pensieri e come penso che il nostro programma di licenza sia compatibile con LGPL. Infatti, non ho visto ancora un prodotto che si volesse integrare con gli schemi di Office ma non fosse in grado di farlo. Potete dare un'occhiata ad altri formati, e anche questi hanno simili licenze.

Addentriamoci nella questione GPL dato che è di questo che si è parlato principalmente. Ho apprezzato i commenti di tutti nei precedenti post e voglio riferirmi specificamente a Craig Ringer che ha scritto degli ottimi commenti sulla GPL. La gente ha chiesto una risposta del tipo si/no a riguardo della compatibilità con la GPL, e il succo è che penso che abbia ragione nell'affermare che la licenza Microsoft per gli schemi di riferimento dell'XML di Office non siano compatibili con la GPL. La GPL dice che non ci può essere una richiesta affinché citiate l'autore del programma (qualcosa chiamata "attribuzione"). La GPL dice inoltre che non potete imporre una limitazione sul sub-licenziamento dei diritti di proprietà intellettuale (IP). Come dice Craig, la licenza Microsoft ha entrambi questi requisiti, quindi non è compatibile con la GPL. Ora, decidere se queste condizioni sono importanti per voi è una vostra incombenza, ma dal mio punto di vista accennare che lo schema è venuto da noi e non sub-licenziare i diritti di proprietà intellettuale sembra essere completamente ragionevole. Quelle sono realmente le uniche due questioni che sto sentendo renderle incompatibili. Vi sono altre licenze simili alla GPL che non hanno queste restrizioni aggiuntive.

So che per molte persone la GPL è una spedie di sinonimo di "open source". (Ho letto tuttavia che la GPL sta passando un processo revisione). Davvero non sono d'accordo con questo punto di vista. Penso che sia troppo restrittivo. Su www.opensource.org sono elencate tonnellate tonnellate di licenze open source. Ci sono persone che dicono che nessuna di queste sono davvero buone, tranne la GPL? Prendiano inoltre a esempio questa particolare situazione. La licenza Microsoft dice che voi (lo sviluppatore) potete scrivere un programa che può leggere e scrivere gli schemi di riferimento dell'XML di office, ma dovete citare Microsoft da qualche programma dichiarando che avete usato i nostri schemi. Cosa vi è di sbagliato in questo? Non la considero una restrizione estremamente onerosa tale da spingere la gente a rifiutare la licenza. Direi lo stesso della questione relativa al sub-licenziamento. Se la licenza è libera ed è disponibile a chiunque nel mondo, dov'è la questione? Una volta scritto il programma sotto la licenza, siete chiaramente tutelati.

Lasciatemi richiamare un paio di altre questioni sollevate da Craig. Egli dice:

...la licenza non sembra essere disponibile per sempre. In altre parole, i termini possono essere cambiati in qualsiasi momento ed essere applicati alle implementazioni esistenti. Quando il software può essere redistribuito dagli utenti finali e altre aziende, è difficile che ciò possa funzionare. Sia la GPL che la LGPL richiedono che il software possa essere redistribuito da qualsiasi utente finale.

La licenza è in realtà perpetua. Date un'occhiata, si prova proprio qui: http://www.microsoft.com/mscorp/ip/format/
xmlpatentlicense.asp
. Lo dice chiaramente nella concessione della licenza ed è confermata nella Q&A (Questions & and Answers - Domande & Risposte) sul sito. La Q&A si trova qui: http://www.microsoft.com/Office/xml/faq.mspx

Davvero non capisco la questione relativa alla possibilità che possa essere cambiata in qualsiasi momento. Se accettate la licenza, avete un accordo. Microsoft non può tornare più tardi e dire che l'accordo è differente. Non vedo alcuna restrizione in questa licenza che riguardi la distribuzioni di programmi creati sotto questa licenza.

Ecco un altro commento di Craig:

Proprietà intellettuale/brevetti. La licenza stessa sembra d'altronde ragionevole, ma contiene un enorme inganno dato che non rivela quali altre proprietà intellettuali/brevetti Microsoft possono essere richieste e offrendosi di licenziarli negli stessi termini. Una licenza aperta per i formati è inutile se i termini della licenza del brevetto richiesto per il suo uso sono inadatti.

Questo è un argomento che posso comprendere. Il linguaggio del brevetto è difficile da leggere, ma quando lo scorro, sembra dire che tutti i brevetti e le applicazioni dei brevetti che sono applicabili a questo spazio sono licenziati. ciò è meglio della situazione in cui un'azienda rende noti certi brevetti e dice che sono licenziati ma non vi dice cosa d'altro vi sia. Microsoft dice che tutti i suoi brevetti e applicazioni sono licenziati in questo spazio, quindi non avete bisogno di preoccuparvi.

Visto che siamo in argomento, penso sia importante che tutti voi diate un'occhiata alla situazione simile relativa all'Open Document. Molte persone sembrano semplicemente presumere che dato che si tratta di uno standard, non vi siano questioni riguardanti i diritti intellettuali e siatutto molto chiaro. Bene, diamo uno sguardo a questo: http://www.oasis-open.org/committees/office/ipr.php Sun sembra dire che potrebbe detenere una proprietà intellettuale sulle specifiche dell'Open Document. Mentre Sun dice di essere intenzionata a fornire una licenza priva di royalty, si dovrebbe comunque chiedere a Sun una licenza. La licenza non appare sul sito. Sarebbe interessante da vedere, e probabilmente tenterò di vedere se riuscirò a trovarla. La sola affermazione sul sito rivela che come minimo, pongono almeno una condizione - dovete concedere a Sun una licenza reciproca.

Si riferisce anche di una serie di una scadenza sulla quale IBM sta lavorando alacremente: http://blogs.zdnet.com/BTL/?p=1887. A cosa assomiglia la licenza IBM? Sarebbe interessante fare un controllo.

In definitiva, le risposte alle domande elencate più sopra sono:

  1. Si, lavoriamo con un gran numero di licenza open source (ma non tutte).
  2. No, la GPL non consente le restrizioni riguardanti l'attribuzione e il sub-licenziamento che la licenza MS Office Open XML Formats richiede.
  3. Si le licenze sono perpetue e non dovete preoccuparvi che cambino sotto i vostri piedi. I file che registrate saranno liberamente accessibili per sempre.

Sperò che ciò sia d'aiuto. mi dispiace che abbiamo dovuto passare così tanto tempo su questo argomento e non altrettanto sulle reali tecnologie e architetture dei formati. Cercherò di tornarvi sopra al più presto, dato che è ciò di cui sono maggiormente interessati coloro che mi hanno contattato via email.

-Brian


Categoria: Gamez, OS     19:30:27
Permalink Lascia un commento

Longhorn fuori dalla finestra con vista...

Secondo questo interessante articolo di SmartOffice News, il codice di Longhorn è stato buttato alle ortiche da Allchin, co-direttore della divisione Prodotti Platform e servizi, per ripartire da uno stile di programmazione davvero nuovo per Microsoft: invece di sviluppare parti di codice separate, create da programmatori diversi e poi assemblate in un nuovo programma, si è deciso di partire alla "Linux way". Come? Iniziando da un kernel minimale e aggiungendo di volta in volta le funzioni necessarie.

Riporto solo alcuni estratti dall'articolo:

Gli ingegneri di microsoft lo stavano costruendo (Longhorn, ndr.) proprio nel modo in cui avevano sempre creato programmi. Ogni singolo programmatore fra le migliaia (impiegate da Microsoft, ndr.), creava il proprio pezzo di codice, che veniva assemblato (insieme agli altri, ndr.), in un programma raffazzonato. Ma Longhorn/vista era troppo complesso: Microsoft doveva iniziare da capo, disse Allchin a Gates.

E quale è stato questo "nuovo inizio"?

Quindi, secondo (quanto riportato da, ndr.) il Wall Stret Journal, Microsoft percorse la strada di Linux, sviluppando prima un kernel solido per ciò che ora viene chiamato Vista. Ora, sta aggiungendo le funzionalità che desidera, una per una

E che dire di WinFS, il rivoluzionario filesystem di Windows prossimo venturo, che aiuterà a organizzare e recuperare le informazioni salvate nei supporti?

WinFS era così problematico che gli ingegneri iniziarono a discutere se fossero in grado di fa "volare il maiale". Immagini di maiali con le ali iniziarono ad apparire nelle presentazioni e negli uffici.

Questo nuovo inizio potrebbe spiegare anche la riorganizzazione in seno a Microsoft...

La crisi di Longhorn aiuta a spiegare la radicale ristrutturazione che il CEO di Microsoft Steve Ballmer ha annunciato recentemente per riorganizzare la società in tre grandi unità aziendali. Un obbiettivo fondamentale è di forzare Microsoft a essere più agile nel produrre e distribuire il software.

Ma perché Microsoft incorre in questo genere di problemi? Possibile che si renda conto solo dopo averci messo mano che un programma è diventato ingestibile?

Le riforme di Allchin si rivolgono a un problema che Microsoft si porta dietro dagli inizi. La vecchia scuola di computer science poneva richiedeva pratiche di scrittura di codice metodiche per assicurarsi che i grandi computer usati dalle banche, dai governi e dagli scienziati non si bloccassero. Ma quando i personal computer spiccarono il volo negli anni '80, le aziende come Microsoft non avevano tempo per tutto questo (per le pratiche di scrittura metodiche, ndr.). Gl utenti PC volevano delle funzionalità belle e utili in fretta. Tolleravano -- o non notavano -- i bachi che affliggevano il codice. I problemi potevano sempre essere corretti con una patch. Con ogni patch e ogni miglioramente, divenne più difficile allegare nuove funzionalità al software dato che il nuovo codice aveva effetti imprevedibili su tutto il resto.

Non male vero? Pigia e ripigia, il codice esplode...


Categoria: OS     19:20:48
Permalink Lascia un commento

publi2 --------Pubblicità
Communicagroup e tutti i blog brings a young and influential audience to brand advertisers. Click here to find out more about sponsorship opportunities.

Geeksquare posts
continue below...


Categoria: News     12:13:54
Permalink

26.09.05

Nuovo post

It’s that time again. Time for Samsung to put on their Global Road Show to display some of the latest and greatest gadgets and prototypes. This year’s Road Show is at the Time Warner Center on New York’s chi-chi Columbus Circle where Samsung had their special Samsung Store dealie last year.

Some of the new devices Samsung is presenting includes a foray of world-record breaking displays, a high-speed color laser printer and a few new appliances including a four-door refrigerator and a high-speed oven (microwave?).


Categoria: Gamez     08:05:23
Permalink Lascia un commento


Pubblicità

Communicagroup e tutti i blog brings a young and influential audience to brand advertisers. Click here to find out more about sponsorship opportunities.


Geeksquare posts
continue below...


Categoria: News     08:00:00 am
Permalink


Siete sull'orlo di una crisi di nervi? La vita è diventata troppo digitale per voi ?
Calma. Geeksquare
è il blog che ci voleva. Download, siti web, cellulari, wireless, Wi-Fi
e non solo.
Tutto quello
che vi serve
per risparmiare tempo, senza diventare pazzi. Oh yeah.
Guida web 2005 Communicagroup
Hai notizie che vorresti pubblicare con noi?

Le categorie di Geeksquare:

La squadra di Geeksquare

Editor:


Blogger:





System by:
B2Evolution

Powered by:
Sunbeach Multimedia

Designed by:
Borderzero

Publisher:
Sitemap